Ringraziamenti e Buone Feste

L’Osservatorio Scientifico ringrazia tutti coloro che hanno inviato i numerosi ed interessanti lavori pervenuti.

Dovrebbe esservi arrivato in questi giorni l’esito dei reviewers. Per i lavori accettati si ricorda la scadenza del 1 febbraio entro la quale inviare i full papers.

Con l’occasione auguriamo a tutti delle Buone Feste.

A presto.

Settembre 2015: eventi da non perdere !

Vi segnaliamo due eventi importanti in programma nel mese di Settembre 2015:

– CONVEGNO INTERNAZIONALE LA COSTRUZIONE DI UNA SOCIETÀ CIVILE EUROPEA NELL’AMBITO DELLA PARITÀ TRA LE DONNE E GLI UOMINI. L’EREDITÀ DI FAUSTA DESHORMES LA VALLE

Data: Il 25 settembre 2015, ore 9:00 – 16.30

Luogo: Archivi Storici dell’Unione Europea Villa Salviati – Via Bolognese n. 156, 50139 Firenze

Per maggiori info clicca qui

– WHAT CAN STATISTICS TELL US ABOUT GENDER EQUALITY IN THE WORKPLACE?

Data: Il 16 settembre 2015, ore 14:00 – 16.30

Luogo: Dublin, Edinburgh, Lisbon, London

Per maggiori info clicca qui

Stay Tuned with Ipazia! 🙂

Seminari di Ipazia

Partono i “seminari di Ipazia”, ciclo di seminari interdisciplinari sul tema di genere caratterizzanti le attività di ricerca del nostro osservatorio scientifico. Di seguito i primi in programma presso l’Università Niccolò Cusano.

 25 maggio alle 10.30. aula A

Apertura lavori: Prof.ssa Paola Paoloni (responsabile scientifico dell’osservatorio Ipazia)

Relatore:Prof. Carlo Drago (referente area statistica di Ipazia)

Titolo del seminario: Boards, Gender and Social Networks: what we can learn from data

( Consigli d’amministrazione, Genere e reti sociali: cosa possiamo imparare dall’evidenza empirica).

26 maggio ore 10.30 aula J

Apertura lavori: Prof.ssa Paola Paoloni (responsabile scientifico dell’osservatorio Ipazia)

Relatore:Prof. Silvio Berardi  (referente area storico politica)

Titolo del seminario: Mary Tibaldi chiesa: una vita per l’emancipazione politica e sociale della donna

Scarica la locandina qui.

Mariana Mazzucato

Il prossimo 7 maggio, presso l’aula Magna dell’Ateneo di Via Don Carlo Gnocchi 3, a Roma, si terrà il seminario dal titolo “Innovazione, crescita e sviluppo: scelte pubbliche e strategie private”  di cui sarà assoluta protagonista la Prof.ssa Mariana Mazzucato, titolare della cattedra RM Phillips in Economia dell’Innovazione presso la Science Policy Research Unit-SPRU dell’Università del Sussex. La Prof.ssa Mazzucato è autrice del libro “Lo Stato Innovatore” (Anthem, 2013), inserito tra i Libri dell’Anno 2013 dal “Financial Times”

Scarica la locandina dell’evento qui.

Mary Tibaldi Chiesa. La prima donna repubblicana in Parlamento

Prima donna ad essere eletta tra le fila del Partito repubblicano, Mary Tibaldi Chiesa, nel corso di tutta la sua attività politica, rimase sempre fedele agli ideali mazziniani e cattaneani ereditati dal padre Eugenio Chiesa, fiero oppositore del regime di Mussolini e punto di riferimento di tutta la sua esistenza. L’Italia repubblicana, per lei, aveva l’onere di seguire gli insegnamenti di questi due padri del Risorgimento, convinta com’era della compatibilità del loro magistero. Europeista e mondialista, riteneva indispensabile il superamento della dimensione statale e l’istituzione di una federazione internazionale, idonea a offrire adeguate risposte alle nuove esigenze dei popoli. Le scelte compiute dalle grandi potenze, al termine del secondo conflitto mondiale, non la convincevano poiché non favorivano la cooperazione internazionale e impedivano all’Organizzazione delle Nazioni Unite di divenire il primo nucleo di un’Assemblea costituente mondiale, nella quale accanto ai delegati dei vari governi avrebbero dovuto sedere i rappresentanti della società civile. Certa dell’impellente necessità del disarmo universale, confidava nelle capacità delle donne, che potevano stimolare, con il loro impegno politico, i mutamenti istituzionali. Senza venir meno ai suoi doveri famigliari, la donna aveva il diritto di ricoprire ruoli di rilievo nella sfera pubblica: si batté così per il suo ingresso in magistratura così come per il suo accesso alla carriera diplomatica.